I laboratori didattici del Mabos coinvolgono gli istituti di formazione di tutto il territorio e sono ideati appositamente per gli alunni, in base all’età e al luogo di provenienza. La metodologia rientra a far parte della didattica non tradizionale che tende a motivare e ad insegnare tramite il fare, la pratica, il lavoro di gruppo ed i risultati personali.

Nel 2018 sono stati effettuati quattro laboratori didattici diretti da Artisti, Attori teatrali e team curatoriali e sono i seguenti:

LA MACCHIA

Cento portali, un cerchio, un progetto di Land Art sviluppato al Museo MABOS lungo il greto del fiume Corace in un’area denominata “La Macchia”.
Il progetto di Land Art “LA MACCHIA”, degli artisti Angelo Gallo, Giuseppe Ferrise e Lucy Mey, è a cura di Marilena Morabito con il supporto tecnico di Maria Muscianisi ed è stato realizzato con la collaborazione attiva di 100 alunni dell’Istituto Comprensivo “De Amicis” Bagalati – San Lorenzo di Melito Porto Salvo (Rc).

 

IL CANTO DEI NUOVI EMIGRANTI

Un laboratorio di teatro su “il canto dei nuovi emigranti”, ispirato all’omonimo progetto di Mario Giacomelli con le poesie di Franco Costabile. Il laboratorio ha coinvolto centodieci allievi dell’Istituto d’Istruzione Superiore di Tropea e del Liceo Classico-Artistico di Lamezia Terme il tutto facente parte del programma operativo FESR Calabria 2014-2020 asse 12 obiettivo specifico 10.1 azione 10.1.1 FSE “Fare Scuola Fuori Dalle Aule”, ideato e diretto dall’attore e regista teatrale Pierpaolo Bonaccurso supportato dalla sua compagnia e dallo staff del Mabos.

DOMUS: La Casa Della Pace

Un progetto di Land Art degli artisti Giuseppe Barilaro, Giuseppe Ferrise ed Angelo Gallo, con la collaborazione di Lucy Mey, che coinvolge 100 alunni dell’Istituto Comprensivo Statale Ardore, Benestare, Careri, Ciminà, nella realizzazione di un’installazione di Land Art. Una casa della pace, che unita alle altre, crea la totalità dell’opera. Una sorta di villaggio attraversabile nel bosco della Sila, al Mabos.

UN MURO CONTRO

Laboratorio multidisciplinare  ideato da Altrove e dall’artista Roberto Alfano per 100 alunni dell’I.C. di Brancaleone (RC). Gli alunni hanno lavorato su vari ambiti riguardanti l’arte, dall’arte urbana alla scultura passando per il lettering e la pittura su tela.